RISCHIO/RENDIMENTO

3. RISCHIO/RENDIMENTO

Il rapporto rischio/rendimento è la base di qualsiasi strategia di trading sui mercati finanziari, se l’obbiettivo di un investitore è quello di crearsi un profitto durevole nel tempo infatti, il primo passo da fare è quello di elaborare delle regole di rischio/rendimento. Importanti strumenti da utilizzare in relazione a queste regole, sono lo stop loss ed il take profit, in quanto permettono di rispettarle con più rigore. Generalmente lo schema di base utilizzato per definire questo rapporto è come minimo guadagnare ciò che si rischia di perdere. Facendo un esempio pratico, se un investitore si permette una massima perdita di 100 pip, dovrebbe almeno puntare ad un guadagno di 100 pip o superiore, se per ipotesi il suo target di profitto fosse 200 pip, starebbe utilizzando rapporto rischio/rendimento di 1:2. Ciò gli permetterebbe, su dieci operazioni con questo rapporto, di essere in profitto anche con sei chiusure in stop loss e solamente quattro in take profit. Ognuno di noi deve utilizzare parametri personali di rischio/rendimento, derivanti dalla propria propensione al rischio, dal tipo di strategie operative e dal titolo o mercato nel quale si è intenzionati ad investire. Viene da se, che le occasione per effettuare operazioni di trading sono dettate più dal proprio rapporto di rischio/rendimento che dal mercato stesso.